buoni-spesa-casa-diritti

BUONI SPESA

 RIAPERTURA DOMANDE PER SOSTEGNO ALIMENTARE ( BUONI SPESA )
Sono esclusi dall’accesso alla prestazione:

1. percettori di sostegni economici di carattere pubblico, ivi compreso il reddito di cittadinanza;
2. cittadini che abbiano un contratto di lavoro in essere;
3. titolari di trattamenti pensionistici;
4. coloro i quali siano già beneficiari del contributo sulla base dell’istanza presentata dal 4 al 10 aprile 2020.

INVIA LA TUA DOMANDA, contattaci
👉casadirittivomero@gmail.com – 327 2821444 👈

Contributi a fondo perduto per ASD/SSD. Finestra per contributo forfettario

Al fine di assicurare la prosecuzione degli interventi a sostegno dell’attività sportiva di base, il Dipartimento per lo sport della Presidenza del Consiglio dei ministri metterà a disposizione delle associazioni e delle società sportive dilettantistiche dei contributi forfettari a fondo perduto, da attribuire secondo i criteri e le modalità indicati nell’avviso qui di seguito pubblicato.

LEGGI L’AVVISO

Dichiarazione dell’organismo o degli organismi affilianti circa l’attività sportiva, didattica e formativa svolta dalla ASD/SSD e il numero di tesserati svolgenti tali attività (il modello può essere usato se le Federazioni, le Discipline sportive associate o gli Enti di promozione sportiva non ne hanno già predisposto uno).

L’assegnazione e la successiva erogazione delle risorse è subordinata al controllo dei provvedimenti da parte dei competenti organi di controllo. La procedura di selezione viene avviata unicamente per espletare le procedure amministrative preventive necessarie ad individuare le ASD/SSD aventi i requisiti per accedere agli eventuali contributi a fondo perduto e poter quindi erogare con celerità i finanziamenti non appena i provvedimenti risultino registrati dagli organi di controllo.

La presentazione delle istanze avverrà esclusivamente attraverso l’utilizzo della piattaforma web realizzata dal Dipartimento per lo Sport che sarà attiva a partire dalle ore 16:00 del 18 novembre 2020 e terminerà alle ore 16:00 del giorno 24 novembre 2020.

Al termine della procedura verrà rilasciata una ricevuta a conferma del buon esito dell’avvenuta richiesta, che dovrà essere conservata con cura.

ACCESSO ALLA PIATTAFORMA

Per l’assistenza tecnica è attivo esclusivamente l’indirizzo di posta elettronica ordinaria fondoperduto@sportgov.it

Al fine di poter effettuare un’assistenza completa, è necessario indicare nel corpo della mail il Codice Fiscale della ASD/SSD per la quale si richiede assistenza.
Dipartimento per lo sport , asd/ssd ,

DPCM 3 novembre 2020

CREDITO D’IMPOSTA EDICOLE 2020

TAX CREDIT EDICOLE
È stato emanato oggi, 23 novembre 2020, il decreto del Capo del Dipartimento (lo trovi qui: www.informazioneeditoria.gov.it) che approva l’elenco dei soggetti cui è riconosciuto, per l’anno 2020, il credito di imposta per gli esercenti attività commerciali che operano nel settore della vendita al dettaglio di giornali, riviste e periodici, di cui all’articolo 1, commi da 806 a 809, della legge 30 dicembre 2018, n. 145, e s.m.i. con l’indicazione dell’importo a ciascuno spettante. L’elenco è stato trasmesso all’Agenzia delle Entrate. Per la generalità dei soggetti ammessi, il credito d’imposta può essere fruito, mediante compensazione, ai sensi dell’articolo 17 del decreto legislativo 9 luglio 1997, n. 241, presentando il modello F24 esclusivamente attraverso i servizi telematici messi a disposizione dall’Agenzia delle Entrate, utilizzando il codice tributo 6913, istituito dall’Agenzia delle Entrate con Risoluzione n. 107/E del 18 dicembre 2019.

Il modello F24 può essere presentato a decorrere dal quinto giorno lavorativo successivo alla pubblicazione del citato provvedimento e dell’elenco allegato sul sito Internet del Dipartimento per l’informazione e l’editoria della Presidenza del Consiglio dei ministri.

DECRETO RISTORI-BIS

1) Chi ha diritto al contributo

Hanno diritto al contributo a fondo perduto tutti gli operatori economici interessati dalle misure restrittive introdotte con il DPCM scorso a condizione che:

• siano titolari di partita IVA attiva alla data del 25 ottobre 2020

• svolgono attività prevalente nell’ambito dei settori economici che sono oggetto delle limitazioni previste dai DPCM e più precisamente riguardanti o codici ATECO riportati nella tabella di seguito allegata

• il contributo spetta a condizione che l’ammontare del fatturato e dei corrispettivi del mese di aprile 2020 sia inferiore ai due terzi dell’ammontare del fatturato e dei corrispettivi del mese di aprile 2019.  

La tabella è stata introdotta dal decreto Ristori ed è stata sostituita da una nuova contenuta nell’art 1 del Ristori bis con ampliamento delle attività cui spetta il contributo.

CODICI ATECODESCRIZIONE ATTIVITàPERCENTUALE
493210Trasporto con taxi100 %
493220Trasporto mediante noleggio di autovetture da rimessa con conducente100%
493901Gestioni di funicolari, ski-lift e seggiovie se non facenti parte dei sistemi di transito urbano o sub-urbano200%
522190Altre attivita’ connesse ai trasporti terrestri NCA100%
551000Alberghi150%
552010Villaggi turistici150%
552020Ostelli della gioventù150%
552030Rifugi di montagna150%
552040Colonie marine e montane150%
552051Affittacamere per brevi soggiorni, case ed appartamenti per vacanze, bed and breakfast, residence150%
552052Attivita’ di alloggio connesse alle aziende agricole150%
553000Aree di campeggio e aree attrezzate per camper e roulotte150%
559020Alloggi per studenti e lavoratori con servizi accessori di tipo alberghiero150%
561011Ristorazione con somministrazione200%
561012Attivita’ di ristorazione connesse alle aziende agricole200%
561030Gelaterie e pasticcerie150%
561041Gelaterie e pasticcerie ambulanti150%
561042Ristorazione ambulante150%
561050Ristorazione su treni e navi200%
562100Catering per eventi, banqueting200%
563000Bar e altri esercizi simili senza cucina150%
591300Attivita’ di distribuzione cinematografica, di video e di programmi televisivi200%
591400Attivita’ di proiezione cinematografica200%
749094Agenzie ed agenti o procuratori per lo spettacolo e lo sport200%
773994Noleggio di strutture ed attrezzature per manifestazioni e spettacoli: impianti luce ed audio senza operatore, palchi, stand ed addobbi luminosi200%
799011Servizi di biglietteria per eventi teatrali, sportivi ed altri eventi ricreativi e d’intrattenimento200%
799019Altri servizi di prenotazione e altre attivita’ di assistenza turistica non svolte dalle agenzie di viaggio nca200%
799020Attivita’ delle guide e degli accompagnatori turistici200%
823000Organizzazione di convegni e fiere200%
900101Attività nel campo della recitazione200%
900109Altre rappresentazioni artistiche200%
855209Altra formazione culturale200%
900201Noleggio con operatore di strutture ed attrezzature per manifestazioni e spettacoli200%
900209Altre attivita’ di supporto alle rappresentazioni artistiche200%
900309Altre creazioni artistiche e letterarie200%
900400Gestione di teatri, sale da concerto e altre strutture artistiche200%
900009Altre attivita’ connesse con le lotterie e le scommesse comprende le sale bingo200%
931110Gestione di stadi200%
931120Gestione di piscine200%
931130Gestione di impianti sportivi polivalenti200%
931190Gestione di altri impianti sportivi nca200%
931200Attivita’ di club sportivi200%
931300Gestione di palestre200%
931910Enti e organizzazioni sportive, promozione di eventi sportivi200%
931999Altre attivita’ sportive nca200%
932100Parchi di divertimento e parchi tematici200%
932910Discoteche, sale da ballo night-club e simili400%
932930Sale giochi e biliardi200%
932990Altre attivita’ di intrattenimento e di divertimento nca200%
949920Attivita’ di organizzazioni che perseguono fini culturali, ricreativi e la coltivazione di hobby200%
949990Attivita’ di altre organizzazioni associative nca200%
960410Servizi di centri per il benessere fisico esclusi gli stabilimenti termali200%
960420Stabilimenti termali200%
960905Organizzazione di feste e cerimonie200%
493909Altre attivita’ di trasporti terrestri di passeggeri nca100%
503000Trasporto di passeggeri per vie d’acqua interne inclusi i trasporti lagunari100%
619020Posto telefonico pubblico ed internet point50%
742011Attività di fotoreporter100%
742019Altre attività di riprese fotografiche100%
855100Corsi sportivi e ricreativi200%
855201Corsi di danza200%
920002Gestione di apparecchi che consentono vincite in denaro funzionanti a moneta o a gettone100%
960110Attivita’ delle lavanderie industriali100%
477835Commercio al dettaglio di bomboniere100%
522130Gestione di stazioni per autobus100%
931992Attivita’ delle guide alpine200%
743000Traduzione e interpretariato100%
561020Ristorazione senza somministrazione con preparazione di cibi da asporto50%
910100Attivita’ di biblioteche ed archivi200%
910200Attivita’ di musei200%
910300Gestione di luoghi e monumenti storici e attrazioni simili200%
910400Attivita’ degli orti botanici, dei giardini zoologici e delle riserve naturali200%
205102Fabbricazione di articoli esplosivi100%

Una precisazione: la circolare 15/E/2020 ha chiarito che per il calcolo del fatturato e dei corrispettivi da confrontare al fine di verificare la riduzione prevista dalla disposizione normativa, poiché si fa riferimento alla data di effettuazione dell’operazione di cessione dei beni o di prestazione dei servizi, dovranno essere considerate le operazioni che hanno partecipato alla liquidazione periodica del mese di aprile 2019 (rispetto ad aprile 2020).

2) Come viene calcolato il contributo

Il calcolo verrà effettuato moltiplicando per i seguenti coefficienti 100, 150, 200 e 400%, il contributo già incassato. 

Infatti, i soggetti che hanno già ricevuto il contributo a fondo perduto previsto dall’art.25 del decreto “Rilancio” e che non vi abbiano rinunciato, riceveranno il ristoro direttamente sul proprio conto corrente bancario o postale sul quale è stato erogato il precedente contributo e sarà pari a quanto già ricevuto più una maggiorazione. Un Comunicato Stampa del 7 novembre ha annunciato che gli accrediti sono già partiti.

Per coloro che invece non hanno potuto presentare l’istanza entro il 13 agosto e non hanno, quindi, già usufruito del contributo previsto dal Decreto Rilancio, le modalità ed i termini di presentazione della domanda saranno disciplinati da un provvedimento dell’Agenzia delle Entrate.

La quota di contributo spettante verrà stabilita sulla base dello stesso parametro utilizzato per i soggetti che avevano già ricevuto il precedente contributo e in particolare applicando una percentuale alla differenza tra l’ammontare del fatturato e dei corrispettivi del mese di aprile 2020 e l’ammontare del fatturato e dei corrispettivi del mese di aprile 2019, pari al:

• 20% per soggetti con ricavi o compensi non superiori a 400.000 euro nell’ultimo periodo d’imposta;

•15% per soggetti con ricavi o compensi superiori a 400.000 euro e fino a un milione di euro nell’ultimo periodo d’imposta;

•10% per soggetti con ricavi o compensi superiori a un milione di euro.

Per i soggetti che hanno attivato la partita IVA dal 1° gennaio 2019 e fino al 24 ottobre 2020, il contributo spetta anche in assenza dei requisiti di fatturato.

Per questi ultimi il contributo è calcolato applicando ai coefficienti settoriali riportati sopra (100,150,200,400% ) agli importi minimi stabiliti dalla norma e cioè:

  • 1000 euro per le persone fisiche
  • 2000 euro per i soggetti diversi dalle persone fisiche.

Si precisa che il Decreto Ristori ha previsto che il contributo non può comunque essere superiore ad euro 150.000 ed è stato eliminato il limite prima previsto dall’art 25 del DL Rilancio dei 5 milioni di euro.

NON possono accedere a questa agevolazione tutti coloro i quali hanno cessato la partita IVA alla data del 25 ottobre 2020.

3) Come viene erogato

I soggetti che hanno già ricevuto il contributo a fondo perduto previsto dall’art.25 del decreto “Rilancio” e che non vi abbiano rinunciato, riceveranno il ristoro direttamente sul proprio conto corrente bancario o postale.

Per coloro che invece non hanno potuto presentare l’istanza entro il 13 agosto e non hanno, quindi, già usufruito del contributo previsto dal Decreto Rilancio, le modalità ed i termini di presentazione della domanda saranno disciplinati da un provvedimento specifico dell’Agenzia delle Entrate.

4) Le maggiorazioni spettanti per le zone arancione e rossa

Per quanto riguarda le maggiorazioni spettanti in base alla ubicazione dell’attività, occorre fare riferimento al Ristori bis che all’art 1 comm 2 precisa che spetta una maggiorazione del 50% ai seguenti operatori con codice ATECO:

• n 561030 – Gelaterie e pasticcerie

• n 561041 – Gelaterie e pasticcerie ambulanti

• n 56300 – Bar ed altri esercizi senza cucina

• n 551000 – Alberghi

purché siano ubicate con sede operativa o domicilio fiscale in zone rosse ossia quelle caratterizzate da uno scenario di rischio elevato o di massima gravità.

In merito alle zone rosse il decreto Ristori Bis ha previsto un ulteriore contributo a fondo perduto disciplinato dall’art 2.

È riconosciuto un contributo a fondo perduto con percentuale maggiorata del 200% a favore dei soggetti che:

• alla data del 25 ottobre 2020 hanno la partita IVA attiva,

• dichiarano (ai sensi dell’art 35 DPR 633/72) di svolgere come attività prevalente una di quelle riferite ai codici ATECO indicati nell’Allegato 2 al decreto, riportata in calce al presente articolo

• hanno appunto il domicilio fiscale o la sede operativa nelle aree del territorio nazionale, caratterizzate da uno scenario di massima gravità e da un livello di rischio alto, individuate con Ordinanze del Ministro della salute adottate ai sensi dell’articolo 3 decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 3 novembre 2020.

Il contributo spetta a condizione che l’ammontare del fatturato e dei corrispettivi del mese di aprile 2020 sia inferiore ai due terzi dell’ammontare del fatturato e dei corrispettivi del mese di aprile 2019.

Al fine di determinare correttamente i suddetti importi, si fa riferimento alla data di effettuazione dell’operazione di cessione di beni o di prestazione dei servizi.

Ai soggetti che non abbiano già presentato istanza di cui all’art. 25 del DL 34/2020 spetta il contributo previa presentazione di apposita istanza esclusivamente mediante la procedura web e il modello approvato con il provvedimento del Direttore delle Entrate.

Con provvedimento dello stesso direttore verranno definiti termini e modalità di presentazione delle istanze.

Codice ATECODescrizione%
47.19.10Grandi magazzini200%
47.19.90Empori ed altri negozi non specializzati di vari prodotti non alimentari200%
47.51.10Commercio al dettaglio di tessuti per l’abbigliamento, l’arredamento e di biancheria per la casa200%
47.51.20Commercio al dettaglio di filati per maglieria e merceria200%
47.53.11Commercio al dettaglio di tende e tendine200%
47.53.12Commercio al dettaglio di tappeti200%
47.53.20Commercio al dettaglio di carta da parati e rivestimenti per pavimenti (moquette e linoleum)200%
47.54.00Commercio al dettaglio di elettrodomestici in esercizi specializzati200%
47.64.20Commercio al dettaglio di natanti e accessori200%
47.78.34Commercio al dettaglio di articoli da regalo e per fumatori200%
47.59.10Commercio al dettaglio di mobili per la casa200%
47.59.20Commercio al dettaglio di utensili per la casa, di cristallerie e vasellame200%
47.59.40Commercio al dettaglio di macchine per cucire e per maglieria per uso domestico200%
47.59.60Commercio al dettaglio di strumenti musicali e spartiti200%
47.59.91Commercio al dettaglio di articoli in legno, sughero, vimini e articoli in plastica per uso domestico200%
47.59.99Commercio al dettaglio di altri articoli per uso domestico nca200%
47.63.00Commercio al dettaglio di registrazioni musicali e video in esercizi specializzati200%
47.71.10Commercio al dettaglio di confezioni per adulti200%
47.71.40Commercio al dettaglio di pellicce e di abbigliamento in pelle200%
47.71.50Commercio al dettaglio di cappelli, ombrelli, guanti e cravatte200%
47.72.20Commercio al dettaglio di articoli di pelletteria e da viaggio200%
47.77.00Commercio al dettaglio di orologi, articoli di gioielleria e argenteria200%
47.78.10Commercio al dettaglio di mobili per ufficio200%
47.78.31Commercio al dettaglio di oggetti d’arte (incluse le gallerie d’arte)200%
47.78.32Commercio al dettaglio di oggetti d’artigianato200%
47.78.33Commercio al dettaglio di arredi sacri ed articoli religiosi200%
47.78.35Commercio al dettaglio di bomboniere200%
47.78.36Commercio al dettaglio di chincaglieria e bigiotteria (inclusi gli oggetti ricordo e gli articoli dipromozione pubblicitaria)200%
47.78.37Commercio al dettaglio di articoli per le belle arti200%
47.78.50Commercio al dettaglio di armi e munizioni, articoli militari200%
47.78.91Commercio al dettaglio di filatelia, numismatica e articoli da collezionismo200%
47.78.92Commercio al dettaglio di spaghi, cordami, tele e sacchi di juta e prodotti per l’imballaggio(esclusi quelli in carta e cartone)200%
47.78.94Commercio al dettaglio di articoli per adulti (sexy shop)200%
47.78.99Commercio al dettaglio di altri prodotti non alimentari nca200%
47.79.10Commercio al dettaglio di libri di seconda mano200%
47.79.20Commercio al dettaglio di mobili usati e oggetti di antiquariato200%
47.79.30Commercio al dettaglio di indumenti e altri oggetti usati200%
47.79.40Case d’asta al dettaglio (escluse aste via internet)200%
47.81.01Commercio al dettaglio ambulante di prodotti ortofrutticoli200%
47.81.02Commercio al dettaglio ambulante di prodotti ittici200%
47.81.03Commercio al dettaglio ambulante di carne200%
47.81.09Commercio al dettaglio ambulante di altri prodotti alimentari e bevande nca200%
47.82.01Commercio al dettaglio ambulante di tessuti, articoli tessili per la casa, articoli di abbigliamento200%
47.82.02Commercio al dettaglio ambulante di calzature e pelletterie200%
47.89.01Commercio al dettaglio ambulante di fiori, piante, bulbi, semi e fertilizzanti200%
47.89.02Commercio al dettaglio ambulante di macchine, attrezzature e prodotti per l’agricoltura; attrezzature per il giardinaggio200%
47.89.03Commercio al dettaglio ambulante di profumi e cosmetici; saponi, detersivi ed altri detergenti per qualsiasi uso200%
47.89.04Commercio al dettaglio ambulante di chincaglieria e bigiotteria200%
47.89.05Commercio al dettaglio ambulante di arredamenti per giardino; mobili; tappeti e stuoie; articoli casalinghi; elettrodomestici; materiale elettrico200%
47.89.09Commercio al dettaglio ambulante di altri prodotti nca200%
47.99.10Commercio al dettaglio di prodotti vari, mediante l’intervento di un dimostratore o di un incaricato alla vendita (porta a porta)200%
96.02.02Servizi degli istituti di bellezza200%
96.02.03Servizi di manicure e pedicure200%
96.09.02Attività di tatuaggio e piercing200%
96.09.03Agenzie matrimoniali e d’incontro200%
96.09.04Servizi di cura degli animali da compagnia (esclusi i servizi veterinari)200%
96.09.09Altre attività di servizi per la persona nca200%


REDDITO D’EMERGENZA

REM per i mesi di novembre e dicembre: domande dal 10 novembre 2020

I nuclei familiari che non hanno presentato la domanda di Reddito di Emergenza, o ai quali il beneficio non è stato riconosciuto, possono presentare domanda per beneficiare delle mensilità di Rem D.L. 137 per i mesi di novembre 2020 e dicembre 2020. Il beneficio può essere richiesto all’Inps, esclusivamente on line, a partire dal 10 novembre 2020 ed entro il termine perentorio del 30 novembre 2020.

INFO: 3272821444 – casadirittivomero@gmail.com

Contributo a fondo perduto per i centri storici

La trasmissione dell’Istanza può essere effettuata a partire dal giorno 18 novembre 2020 e fino al 14 gennaio 2021. Il riconoscimento del contributo a fondo perduto è previsto per coloro che esercitano attività economiche e commerciali nei centri storici dei comuni capoluogo di provincia o di città metropolitana colpiti dal calo dei turisti stranieri causato dell’emergenza “Covid 19”. (AGENZIA DELLE ENTRATE – Provvedimento 12 novembre 2020, n. 352471).

Il Decreto Agosto (art. 59, co. 1, decreto-legge n. 104/2020, convertito, con modificazioni, dalla legge n. 126/2020) ha previsto l’erogazione di un contributo a fondo perduto ai soggetti esercenti attività di impresa di vendita di beni o servizi al pubblico, svolte nelle zone A o equipollenti dei comuni capoluogo di provincia o di città metropolitana che, in base all’ultima rilevazione resa disponibile da parte delle amministrazioni pubbliche competenti per la raccolta e l’elaborazione di dati statistici, abbiano registrato presenze turistiche di cittadini residenti in paesi esteri:
a) per i comuni capoluogo di provincia, in numero almeno tre volte superiore a quello dei residenti negli stessi comuni;
b) per i comuni capoluogo di città metropolitana, in numero pari o superiore a quello dei residenti negli stessi comuni.
Il contributo spetta agli esercizi se l’ammontare del fatturato e dei corrispettivi del mese di giugno 2020, realizzati nelle zone A dei comuni, sia inferiore ai due terzi dell’ammontare del fatturato e dei corrispettivi del mese di giugno 2019.
Per i soggetti che hanno iniziato l’attività a partire dal 1° luglio 2019 nelle zone A dei comuni, il contributo spetta anche in assenza della predetta condizione.
L’ammontare del contributo è determinato applicando una percentuale alla differenza tra l’ammontare del fatturato e dei corrispettivi del mese di giugno 2020 e l’ammontare del fatturato e dei corrispettivi del mese di giugno 2019. La predetta percentuale è del 15%, 10% e 5% per i soggetti con ricavi o compensi, rispettivamente, non superiori a 400.000 euro, superiori a 400.000 euro e fino a 1.000.000 di euro e superiori a 1.000.000 di euro nel periodo d’imposta precedente a quello in corso alla data di entrata in vigore del decreto. Viene garantito comunque un contributo minimo per un importo non inferiore a 1.000 euro per le persone fisiche e a 2.000 euro per i soggetti diversi dalle persone fisiche. In ogni caso, l’ammontare del contributo non può essere superiore a 150.000 euro.
Si applicano, in quanto compatibili, le disposizioni del contributo a fondo perduto previsto dal D.L. Rilancio (art. 25, commi da 7 a 14, decreto-legge n. 34/2020, convertito, con modificazioni, dalla legge 17 luglio 2020, n. 77).
Il contributo non è cumulabile con quello previsto per le imprese della ristorazione (articolo 58 del decreto agosto), le quali possono presentare richiesta per uno solo dei due contributi.
Per la richiesta del contributo, i soggetti a cui spetta sono tenuti ad inviare una istanza, esclusivamente in via telematica, all’Agenzia delle entrate che curerà anche il processo di erogazione del contributo stesso.
Con il provvedimento in oggetto sono definite le modalità di presentazione dell’istanza, il suo contenuto informativo, i termini di presentazione e ogni altro elemento necessario.

Info: 3272821444 – casadirittivomero@gmail.com

disoccupazione-casa-diritti-naspi

Indennità di disoccupazione naspi

La domanda di disoccupazione deve essere presentata entro 68 giorni dalla perdita del posto di lavoro.

Quali sono i requisiti?
1- aver versato nei quattro anni precedenti l’inizio del periodo di disoccupazione
almeno tredici settimane di contribuzione;
2- aver maturato almeno trenta giornate di lavoro effettivo nei dodici mesi che precedono l’inizio del periodo di disoccupazione.

Inoltra la tua domanda.
CLICCA QUI, scarica i documenti e inviali a:
casadirittivomero@gmail.com

Ricorda di conservare gli originali, dovranno sempre essere consegnati presso un nostro operatore che ti contatterà per comunicarti l’appuntamento

pensione

Pensione

L’INPS eroga diverse tipologie di prestazioni pensionistiche:
sociale, complementare, di vecchiaia, di anzianità o anticipata.

CLICCA QUI, scarica i documenti e inoltrali a:
casadirittivomero@gmail.com

nell’OGGETTO specifica a quale prestazione vuoi accedere.

Nel giro di pochi giorni riceverai un sms con il numero di protocollo INPS assegnato alla tua pratica.

Ricorda di conservare gli originali, dovranno sempre essere consegnati presso un nostro operatore che ti contatterà per comunicarti l’appuntamento.

reddito-di-cittadinanza-1

Reddito di cittadinanza

Se sei momentaneamente in difficoltà, il Reddito di cittadinanza ti aiuta ad integrare il reddito della tua famiglia.

Requisito principale?

Avere un ISEE aggiornato inferiore a 9.360 euro annui.

Vuoi presentare la tua domanda? Puoi farlo direttamente online.

CLICCA QUI e scarica i documenti che servono

inoltrali alla nostra mail: casadirittivomero@gmail.com.

Nel giro di pochi giorni riceverai un sms con il numero di protocollo INPS assegnato alla tua pratica.

Ricorda di conservare gli originali, dovranno sempre essere consegnati presso un nostro operatore che ti contatterà per comunicarti l’appuntamento.

AUMENTO PENSIONI INVALIDI CIVILI

Pensione di invalidità civile, novità 2020: requisiti e domanda -  Controcopertina.com

Con circolare n. 107/2020, l’Inps fornisce chiarimenti in merito all’attuazione dell’art. 15, DL n. 104/2020, nella parte in cui, nel recepire la sentenza della Corte Costituzionale n. 152/2020, estende ai soggetti invalidi civili totali o sordi o ciechi civili assoluti titolari di pensione o che siano titolari di pensione di inabilità, di età compresa tra i diciotto e i sessanta anni, i benefici di cui all’art. 38, co. 4, L. n. 448/2001, finora spettanti ai soggetti con più di sessanta anni di età.

PERMESSI EX L. 104/92 ALCUNE PRECISAZIONI

Non configura abuso del diritto nella fruizione dei permessi ex L. n. 104/1992 e quindi una situazione antigiuridica suscettibile di rilievo disciplinare, il loro utilizzo da parte del lavoratore “portatore di handicap grave” per finalità non collegate ad esigenze di cura; ciò, in quanto tali permessi sono previsti al fine, molto più ampio, di agevolare l’integrazione famiiare e sociale, integrazione che potrebbe essere compromessa da ritmi lavorativi che non considerino le condizioni svantaggiate sopportate (Corte di Cassazione, ordinanza 25 settembre 2020, n. 20243)