L’Attestazione ISEE è uno strumento di equità del Welfare il cui valore
esprime la capacità economica del nucleo familiare per poter accedere a prestazioni sociali a condizioni agevolate.
L’indicatore ISEE viene calcolato esclusivamente dall’INPS, attraverso la
presentazione della Dichiarazione Sostitutiva Unica (DSU).
La normativa prevede modalità di calcolo differenziate dell’indicatore con la conseguenza che non vi è un solo ISEE, valido per tutte le prestazioni, ma una pluralità di indicatori, calcolati in funzione della specificità delle situazioni. Si configurano così, oltre ad un ISEE standard o ordinario, più valori ISEE in situazioni specifiche, diversi in ragione della prestazione che si andrà a richiedere e delle caratteristiche del richiedente e del suo nucleo (universitario, minorenni, sociosanitario, corrente, ecc).

DSU sottoscritte a partire dal 1° gennaio 2021
Tutte le DSU con data di sottoscrizione dal 2 gennaio 2021 avranno:
 data di scadenza il 31 Dicembre 2021
 i redditi riferiti all’anno 2019 ((CU2020; 730-2020 e Mod. Redditi2020)
 i patrimoni immobiliari e mobiliari riferiti al 31-12-2019
L’ISEE CORRENTE
In presenza di rilevanti variazioni del reddito rispetto a quello certificato nell’ Isee ordinario, per il 2021 a partire dopo il 1° gennaio 2019, determinatesi per:
 avere avuto una variazione della situazione lavorativa ovvero una interruzione dei trattamenti previdenziali, assistenziali e indennitari non rientranti nel reddito complessivo per uno o più componenti del nucleo familiare;
 aver avuto una variazione della situazione reddituale complessiva del nucleo superiore al 25% rispetto a quella già valutata e contenuta nell’ISEE in corso di validità calcolato ordinariamente;
può essere calcolato un ISEE Corrente, (richiesto allo stesso Caf che ha prodotto l’Isee ordinario) che ha la validità di sei mesi dal momento della presentazione (potrà valere al massimo al 31-12 dell’anno di sottoscrizione), a meno di variazioni nella situazione occupazionale o nella fruizione dei trattamenti, nel qual caso, l’ISEE corrente deve essere aggiornato entro due mesi dalla variazione.
Alla scadenza dei 6 mesi rientrerà in vigore l’Isee Ordinario, oppure, se ne
ricorrono ancora le condizioni, si può presentare un nuovo ISEE CORRENTE.

BONUS NAZIONALI COLLEGATI ALL’ISEE 2021
• Assegno dei Comuni per nuclei familiari numerosi (articolo 65 Legge 448/98)
• Assegno di maternità dei comuni (articolo 66 Legge 448/98)
• Assegno di natalità (Bonus Bebè)
• Contributo per l’acquisto di servizio di baby-sitting (Asilo Nido)
• Carta Acquisti Ordinaria (Social Card)
• Reddito di cittadinanza (RdC) e Pensione di Cittadinanza (PdC)
• Contributo affitto per morosità
• Contributo affitto (rimborso del canone)
• INPS – Bonus Vacanza (Estate Inpsieme)
• INPS – Ricovero in strutture residenziali Long Term Care (LTC)
• INPS – Assistenza domiciliare Home Care Premium (HCP)

Lascia una risposta